Certificazioni

- Certificazione BRC

Il BRC Global Standard for Food Safety è nato nel 1998 per garantire che i prodotti a marchio siano ottenuti secondo standard qualitativi ben definiti e nel rispetto di requisiti minimi. 
Può essere paragonato ad un capitolato che lega i fornitori qualificati all’azienda di distribuzione.
 
E' uno degli standard relativi alla sicurezza alimentare riconosciuto dal Global Food Safety Initiative (GFSI), un’iniziativa internazionale, il cui scopo principale è quello di rafforzare e promuovere la sicurezza alimentare lungo tutta la catena di fornitura.
 
Lo standard si applica alle aziende alimentari di trasformazione e preparazione ed individua gli specifici elementi di un sistema di gestione focalizzato sulla qualità e sicurezza igienico-sanitaria dei prodotti, che prende come riferimento per la pianificazione e implementazione la metodologia HACCP.
 
I principali elementi sono:
-adozione delle buone pratiche di riferimento; 
-adozione di un sistema HACCP;
-adozione di un sistema di gestione per la qualità documentato;
-controllo degli standard per gli ambienti di lavoro, per il prodotto, per il processo e per il personale;
-esistenza di appropriate specifiche per:
    -materie prime (compresi i materiali di confezionamento),
    -prodotto finito, prodotti intermedi/semilavorati (dove richiesto),
    -monitoraggio dei fornitori,
    -posizionamento del sito,
    -l’accumulo, la raccolta e l’eliminazione del materiale di rifiuto,
    -standard igienici e di organizzazione per il personale,
    -controllo di processo
 
​La certificazione è scaricabile presso la sezione "Una Storia Italiana"
                                                                                                                                          Fontehttp://www.csqa.it/

 

- Certificazione IFS

Lo Standard IFS (International Food Standard) ha lo scopo di favorire l’efficace selezione dei fornitori food a marchio della GDO, sulla base della loro capacità di fornire prodotti sicuri, conformi alle specifiche contrattuali e ai requisiti di legge.

 

Costituisce un modello riconosciuto sia in Europa che nel resto del Mondo.

 

E' uno degli standard relativi alla sicurezza alimentare riconosciuto dal Global Food Safety Initiative (GFSI), un’iniziativa internazionale, il cui scopo principale è quello di rafforzare e promuovere la sicurezza alimentare lungo tutta la catena di fornitura.

 

Lo standard IFS Food è in vigore nella versione 5, pubblicata ad Agosto 2007, frutto della cooperazione di:

HDE e FCD, rappresentanze rispettivamente dei retailer tedeschi e francesi,

Federdistribuzione, ente che organizza e rappresenta la grande distribuzione organizzata italiana,

ANCC (Associazione Nazionale delle Cooperative dei Consumatori) 

ANCD (Associazione Nazionale Cooperative tra Dettaglianti).

Si applica alle aziende alimentari che forniscono prodotti food a marchio dei retailer.

 

Lo standard individua gli specifici elementi di un sistema di gestione focalizzato sulla qualità e sicurezza igienico-sanitaria dei prodotti, che prende come riferimento per la pianificazione e implementazione la metodologia HACCP.

 

I principali elementi sono:

-adozione delle buone pratiche di riferimento 

-adozione di un sistema HACCP

-adozione di un sistema di gestione per la qualità documentato

-controllo di standard per gli ambienti di lavoro, per il prodotto, per il processo e per il personale

-esistenza di appropriate specifiche per:

     -materie prime (compresi i materiali di confezionamento),

      -prodotto finito,

      -prodotti intermedi/semilavorati (dove richiesto),

      -monitoraggio dei fornitori,

      -posizionamento del sito,

      -l'accumulo, la raccolta e l'eliminazione del materiale di rifiuto,

      -standard igienici e di organizzazione per il personale,

      -controllo di processo.

La certificazione è scaricabile presso la sezione "Una Storia Italiana"

                                                                                                                    Fonte http://www.csqa.it/

 

Un impegno di Qualità

La qualità è per FLOTT una priorità, da sempre.

Per mantenere costantemente elevate gli standard qualitativi, la FLOTT ha sviluppato un Sistema di  Gestione Qualità che guida l’azienda nei suoi processi al fine di garantire la sicurezza e la conformità legale degli alimenti, sia di ottenere la preferenza da parte dei consumatori.
 
Il sistema di qualità FLOTT è basato sulle certificazioni IFS e BRC, che rappresentano ad oggi uno degli strumenti più diffusi per la qualifica dei fornitori di prodotti a  marchio della Grande Distribuzione Organizzata ed hanno lo scopo di assicurare che i prodotti siano realizzati nel rispetto dei requisiti di sicurezza alimentare.
 
Entrambi gli standard individuano gli elementi specifici di un sistema di gestione focalizzato sulla qualità e sicurezza igienico-sanitari dei prodotti, che prende come riferimento per la pianificazione e implementazione la metodologia HACCP (Hazard Analisys and Critical Control Point).
 
La FLOTT Spa vuole rafforzare la propria posizione nell’ambito del mercato di riferimento, raggiunta attraverso la qualità dei prodotti, la constante attenzione al cliente, la professionalità del personale, l’efficienza della struttura organizzativa.
 
In questa prospettiva, la missione aziendale è così definita:
- continuare a sviluppare , a tutti i livelli dell’organizzazione, la cultura della qualità;
- assegnare alla soddisfazione del cliente un ruolo centrale nelle strategie, nei singoli processi e nell’attività produttiva generale;
- fornire un prodotto proveniente da materie prime selezionate non OGM, realizzato e controllato nel rispetto totale e continuo delle disposizioni di legge e degli standard prefissati (BRC e IFS) in materia di qualità, ambiente, legalità e sicurezza alimentare;
- fornire un prodotto esente da sostanze allergeniche non dichiarate in etichetta;
- garantire il rispetto del processo produttivo messo in atto al fine di ottenere prodotti conformi alle specifiche definite da FLOTT Spa e/o dai clienti (Private label);
- Assicurare che il processo produttivo avvenga in condizioni pienamente controllate, e in ambienti tali da garantire il rispetto dei requisiti del prodotto, in modo da non avere un impatto negativo sull’ambiente circostante garantendo una corretta gestione dei rifiuti;
- Coinvolgere i dipendenti nel miglioramento continuo del processo e del prodotti rispettando i principi etici all’interno dell’azienda.
 
Le certificazioni sono scaricabili dalla sezione "una storia italiana"